Disorganizzazione Cronica Sabrina Crippa

Disorganizzazione cronica, ma che cos’è?

Nel mio articolo precedente, che puoi leggere qui, ti ho parlato dei benefici dell’organizzazione. Ora invece affrontiamo l’altra faccia della medaglia, iniziando dalla disorganizzazione cronica.

La definizione “disorganizzazione cronica” è stata coniata dalla Professional Organizer e scrittrice Judith Kolberg ed è caratterizzata da quattro aspetti principali:

Il perdurare nel tempo

Un disordine temporaneo o una situazione transitoria di disorganizzazione non possono essere considerati segnali di disorganizzazione cronica.

La caratteristica principale, infatti, è proprio quella che questa condizione rimanga costante, o addirittura peggiori, nel tempo.

Sebbene non sia mai stato fissato un periodo oltre il quale si può rientrare in questa definizione, è ragionevole iniziare a parlarne dopo almeno tre o quattro anni.

La disorganizzazione compromette la qualità della vita

Le persone che vivono in questa situazione, non riescono a gestire in maniera adeguata i loro spazi e il loro tempo.

Avere una casa perennemente in disordine spesso li dissuade dall’invitare gli amici e, dimenticarsi degli appuntamenti, o arrivare sempre in ritardo, fa perdere loro molti contatti sociali.

La loro vita viene minata da questi atteggiamenti che, a lungo andare, rischiano di intaccare anche la loro autostima.

L’organizzazione fai-da-te non funziona

Spesso chi si trova in questa condizione, prova a fare da solo, leggendo libri o seguendo corsi predefiniti. Purtroppo però, per questa tipologia di persone, questo aiuto non serve a molto.

I vari tentativi, seguiti da altrettanti fallimenti, non fanno altro che creare un senso di sconforto che non può che peggiorare la situazione.

La prospettiva di un futuro all’insegna della disorganizzazione

Proprio per il senso di incapacità di cui al punto precedente, i disorganizzati cronici pensano che il loro destino sarà quello di vivere nel disordine.  Non immaginano che, semplicemente chiedendo aiuto a professionisti competenti, potrebbero stravolgere la loro vita.

Ecco alcune domande che mi vengono fatte quando parlo di questo argomento:

È una patologia?

Assolutamente no. La disorganizzazione cronica non è né un disturbo mentale né una condizione clinica.

Cosa diversa è il disturbo da accumulo, e di questo argomento ti parlerò nel prossimo articolo.

Disorganizzati cronici si nasce o si diventa?

Entrambi! Ci può essere una predisposizione naturale alla disorganizzazione, ma anche il crescere in una casa molto disordinata può aggravare una situazione preesistente.

Nel corso della vita ci possono anche essere eventi scatenanti che portano una persona a disinteressarsi a tutto ciò che le sta intorno.

Mi preme puntualizzare che l’obiettivo del Professional Organizer non è capire il perché si arrivi a tale condizione, ma risolvere i problemi organizzativi della persona.

Come si riconosce un disorganizzato cronico?

Non è possibile capirlo a prima vista. Non esistono caratteristiche fisiche che possano farci individuare in una persona che vediamo per la prima volta, un disorganizzato cronico.

Se invece conosciamo qualcuno che:

arriva sempre in ritardo o spesso si dimentica di venire agli appuntamenti;

inizia mille progetti e non ne termina neanche uno;

compra molte più cose di quelle che gli servono;

fatica a liberarsi dagli oggetti;

non ha superfici  in casa sua

ecco, questi potrebbero essere alcuni campanelli d’allarme da considerare per una valutazione più approfondita.

Quali sono i rimedi?

Come accennato in precedenza, le soluzioni fai da te, per i disorganizzati cronici non funzionano.

Il primo passo fondamentale è che prendano consapevolezza della loro situazione e che chiedano aiuto ad un professionista.

Se la loro necessità è solo quella di riorganizzare gli spazi o le loro giornate, il Professional Organizer è la persona giusta.

Qualora invece necessitino di un supporto psicologico, possono rivolgersi a figure come coach, counselor, motivatori personali, psicologi ecc.

Credi che la disorganizzazione cronica sia una condizione che può riguardare te o un tuo conoscente?  Hai altre domande o curiosità in merito? Sentiti libera di lasciare un tuo commento o di contattarmi.

Vuoi iniziare ad alleggerire la tua casa liberandoti da tutto ciò che non ti serve o non ti piace più o che, semplicemente, possiedi da troppo tempo?

Scarica il workbook Le 10 domande per un decluttering efficace e inizia ad elencare le cose che vuoi eliminare. Troverai subito degli spunti utili, che non ti aspettavi, per fare un buon decluttering.

Iscriviti alla newsletter per ricevilo gratuitamente.

Sabrina Crippa
sabrina@sabrinacrippa.com

Sono la tua Professional Organizer. Insieme riusciremo a migliorare l’organizzazione dello spazio intorno a te, alleggerendo così anche le tue giornate.

2 Comments

Post A Comment